DaMarineTraffic possiamo vedere gli ultimi minuti di rotta della nave. 15 nodi è stata la velocità media e la “rasetta” all’Isola del Giglio è davvero notevole.
Ho sentito poco fa che il Comandante della Concordia ha dichiarato di aver seguito una rotta turistica. La nave però ha urtato degli scogli non segnalati sulle carte nautiche.
Ora non so se sia la solita bufala della tv, ma su più canali è quello che hanno ripetuto.
Attendiamo nuove news, sperando che il numero delle vittime si fermi.

47 Comments

  1. Anonymous
    4 Aprile 2012 at 17:56

    Pian piano tutti dimenticheranno
    e insieme a me annegheranno
    precipiteranno coi loro averi
    perché i mafiosi son responsabili
    perché i massoni i più abili….

  2. Anonymous
    4 Aprile 2012 at 17:06

    Ciurma questo silenzio cos'è?.
    Svegliaa tutti a rapporto da me
    Spugnaa pendaglio da forca
    possibile che nessuno si muove?!
    ma sono o no il comandante
    di questa lurida nave?
    di questa lurida nave?
    Sono o non sono il Capitan Scettino, ah?
    e allora quando vi chiamo
    lasciate tutto e correte
    e fate presto perché
    chi arriva tardi lo sbrano Avanti chi mi dà
    notizie di Capitan D-Falc
    lo voglio vivo però
    quando l'acchiappo non sò
    che cosa gli farò
    Si prende gioco di me
    e fa il gradasso perchè
    quei branchi di mocciosi
    lo stanno ad ascoltare
    lo credono un eroe!!!!!
    Ma è solo un qualunquista
    un esibizionista
    di tutti i miei nemici
    è il più pericoloso
    è il primo della lista
    Ma a voi vi sembra giusto
    durante un inchino
    ha preso la mia carriera
    l'ha data in pasto a quel
    dannato coccodrillo
    Ma non la passa liscia
    gliela farò pagare
    con le mie stesse mani
    anzi, col mio avvocatino
    lo dovrò scannare!…. Ma lo capite o no? Ve lo rispiegherò
    per scuotere la gente, non bastano i discorsi
    ci vogliono le bombe
    Io ero un benestante, non mi mancava niente
    ma i soldi di papà, li spendo tutti qua
    a combattere sul fronte…………..
    e scriverò un libro forte
    di chi è la colpa
    di colui che ne è la fonte……

  3. Anonymous
    30 Gennaio 2012 at 23:56

    Se fossi stato Guido Bertolaso non avrei avuto nemmeno la faccia per andare a la7 e farmi intervistare come al solito Bertolaso è il bue che da del cornuto all'asino.
    Vi siete mai documentati sui disastri ambientali che hanno causato i CANADAIR quando spegnevano i soliti incendi dolosi?? Ma vergognati Guido!!!!

  4. Anonymous
    30 Gennaio 2012 at 23:37

    DOPPIA INDAGINE ROMPIBALLE PER FRANCO GABRIELLI.

  5. Anonymous
    30 Gennaio 2012 at 23:33

    ____GABRIELLI IL GRANDE PREFETTO DELL'AQUILA________
    E' arrivato capitan DIGOS, Super AISI “Franco Gabrielli”
    UNA DOMANDA A FRANCO GABRIELLI capo della protezione civile DPVNazionale:
    Che brutta fine quella di Bruno Fortunato vero???? Si era suicidato a Nettuno, sul litorale romano, poliziotto della Polfer in pensione, che restò ferito il 2 marzo 2003 nella sparatoria sul treno Roma-Arezzo, nella quale morirono il sovrintendente di polizia Emanuele Petri, il brigatista Mario Galesi e fu catturata Nadia Desdemona Lioce. Fortunato si è ucciso sprandosi un colpo alla testa con la sua pistola sua la moglie disse “una cosa che non mi sarei mai aspettata”.
    FRANCO GABRIELLI capo della protezione civile un'altro GENIO. Lei Gabrielli non ne sa niente vero ma si è suicidato o lo hanno ammazzato il poliziotto?
    Franco Gabrielli lei all'Aquila ha fatto un disastro ora lo vuole vare pure al Giglio? Non c'è tanta differanza tra lei e Bertolaso.
    CHE ROMPIBALLE CHE SIAMO!!!!!!!!Vero Gabrielli?

  6. Anonymous
    27 Gennaio 2012 at 14:05

    Grosseto Venerdì 27 Gennaio 2012 – 11:12
    IMMAGINO I MOTIVI COME HO DETTO QUI SOPRA!!!!

    Non è stato spiegato i motivi per i quali De Falco stamani si sia presentato di nuovo in Procura, dove è in corso l'interrogatorio di uno dei due indagati, Ciro Ambrosio, il vice comandante di Schettino.

  7. Anonymous
    22 Gennaio 2012 at 04:46

    All'eroe De Falco lo intervisteranno in tribunale….
    spero che lo intervistino bene, perché oltre ad aver consentito quegli avvicinameti per 50 volte all'Isola del Giglio mettendo a repentaglio la vita dei passeggeri, l'ambiente non ha adoprato misure anti-rischio. Alla fine mi sa che l'inchino lo faceva più la Guardia Costiera che Costa Crociere.
    I responsabili secondo me?:
    1)Schettino, De Falco
    2)Ufficio coordinamento Costa Crociere

  8. Anonymous
    22 Gennaio 2012 at 04:22

    Gregorio Maria De Falco Napoletano, 46 anni, laureato in Giurisprudenza. Il capo della sezione operativa della Capitaneria.
    E' inutile che Gregorio Maria De Falco si faccia coprire dai suoi colleghi di Sarzana, parlo del comandante dell'elicottero AB-412 e gli voglio ricordare che i dati di rotta e di navigazione arrivano immediati più veloci della luce ai radar di comando di capitaneria di porto e non dopo 7 minuti come ha confermato alla RAI in un intervista.
    Si perché questi della Guardia Coastiera sono come dei ducetti fascistoidi che non si vogliono mai addossare delle colpe. Comunque sarà il tribunale a giudicarvi.
    Schettino lo rivorrei in galera mentre l'eroe come definito Di Falco agli arresti domiciliari.
    Ci vediamo in Piazza Albegna! Al tribunale di Grosseto, li non sono buoni con nessuno MILITARI COMPRESI……

  9. Anonymous
    22 Gennaio 2012 at 04:17

    Gregorio Maria De Falco Napoletano, 46 anni, laureato in Giurisprudenza. Il capo della sezione operativa della Capitaneria in carica fino ad adesso all'Isola del Giglio.
    Ma è veramente un eroe? Non credo…..

  10. Anonymous
    20 Gennaio 2012 at 11:51

    SBRIGATEVI A RITIRARE I DISCHI SULLA CONCORDIA E' UN'ORDINE; DICO……TUTTI I DISCHI!

  11. Anonymous
    20 Gennaio 2012 at 11:24

    ORA; COME POTREMMO DEFINIRE LA GUARDIA COSTIERA?
    DATO CHE SCHETTINO E' QUELLO CHE HANNO DETTO I GIORNALI…..

  12. Anonymous
    20 Gennaio 2012 at 11:20

    I ricevitori della serie xx permettono alle imbarcazioni di piccole e medie dimensioni di:
    ● disporre di un sistema, di basso costo, capace di controllare punto nave, velocità e rotta delle imbarcazioni circostanti entro la portata tipica VHF
    ● avere la capacità di memorizzare rotta o velocità delle imbarcazioni circostanti sullo schermo di qualsiasi sistema capace di visualizzare i dati AIS (programmi per PC, radar o plotter cartografici)
    ● conoscere in maniera univoca nome, identificativo di chiamata e numero MMSI dei bersagli tracciati per poterli facilmente contattare via radio e verificarne le intenzioni di rotta.

  13. Anonymous
    20 Gennaio 2012 at 11:15

    IL CAPITANO:Costa Crociere Concordia chiede avvicinamento xx gradi all'isola.
    LA GUARDIA COSTIERA: Avvicinamento consentito.
    E' così che deve o dovrebbe avvenire o non è vero?
    Ma la Guardia Costiera sa cosa sono i transponder, i radar e in ultimo il cannocchiale o stanno con i piedi sulle scrivanie?

  14. Anonymous
    20 Gennaio 2012 at 11:03

    SBRIGATEVI A RITIRARE QUESTI DISCHI!!!!! Perché poi anche la Guardia Costiera è responsabile di ciò che è accaduto, non solo il comandante, perché se io ero l'ufficiale incaricato della Guardia Costiera non avrei mai permesso che le navi passassero così vicino e avrei multato le COMPAGNIE di Crociera fin dall'inizio. Insomma le vedo passare 50 volte vicinissimo all'isola minimo mando o una vedetta o un rimorchiatore come nello stretto di Messina e ne impedisco l'avvicinamento in modo da evitare rischi del genere. Quindi mi sa che in tribunale sotto accusa ci sarà anche Gregorio Maria De Falco. De Falco ha urlato e dato ordini all'ultimo momento, per le 50 volte che passavano le navi, quindi anche la Guardia Costiera è responsabile.
    De Falco: SALGA SULLA NAVE E' UN'ORDINE (mi fanno ridere) sempre i soliti ufficiali.
    De Falco avrebbe dovuto dire: RISPETTATE I CODICI DI NAVIGAZIONE, STATE A DISTANZA DI SICUREZZA E' UN'ORDINE!!!!
    Così avremmo potuto evitare tutti questi rischi.
    MA DOVE STA LA CAPITANERIA DI PORTO QUANDO PASSANO QUESTI MAGNATI? (Costa, MSC, NORWEGIAN JADE).
    De Falco ci vediamo in tribunale.

  15. Anonymous
    20 Gennaio 2012 at 10:36

    Ma sai qui in Italia quanti se la sarebbero dovuta vedere col carcere? Magari anche te; voglio ricordare all'amico qui sopra che anche l'evasione fiscale è un crimine grave come l'omicidio…..
    Non dico che siamo tutti uguali.

  16. Anonymous
    20 Gennaio 2012 at 10:23

    I HAVE A DREAM: intendo su tutte le navi da crociera CAPITO CARA GUARDIA COSTIERA? PERCHE' ANCHE GLI UFFICIALI DELLA GUARDIA COSTIERA VANNO CON LA COSTA CROCIERE MA NON VEDONO E NON DICONO NULLA!!!!

  17. Anonymous
    20 Gennaio 2012 at 10:19

    I HAVE A DREAM: che i passeggeri all'interno delle navi smettano di fumare come facevano. Ponte piano bar destro e sinistro. I ponti, piano bar, sono tutti un'unico spzaio interno aperto quindi se fumano i passeggeri a desta il fumo va anche a sinistra. Questo secondo il codice della navigazione civile è vieatatissimo. Anche all'interno dei CASINO, SALE GIOCHI. Che vadano fuori a fumare non dentro. Anche se le moquettes sono ignifughe possono scatenarsi nicendi pericolosissimi.

  18. Anonymous
    19 Gennaio 2012 at 23:59

    I HAVE A DREAM: che queste cose non accadano mai più!

  19. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 19:19

    hehehe come al solito c'entra il solito Berlusconi…. ma davvero siete dei disabili mentali.. sempre lì si va a parare.. poveracci

  20. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 19:13

    Cazzone, anzichè pensare al “Giornale” potresti rivolgere il tuo sguardo guercio a quel pazzo che ha accostato una secca pericolosa anche per un gommone. Fesso

  21. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 17:29

    Ora la Concordia la ripareranno i passeggeri non la FINCANTIERI.

  22. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 17:25

    E che gliene frega agli italiani.
    Poi dopo quando succedono i disastri piangono. I disastri non avvengono solo per errore umano.

  23. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 17:01

    11 gennaio 2012 a Genova.
    Macchinari abbandonati, cani randagi, sporcizia. E' la Fincantieri di Genova ma sembra il set di un film horror. In cui si aggirano come fantasmi gli operai licenziati. Disperati. Abbandonati da tutti. E pronti a tutto. Quando non ci sono operai non c'è manutenzione, quando manca la manutenzione manca la sicurezza di viaggiare MA AGLI ITALIANI TUTTO CIO' POCO IMPORTA. SPOSATEVI, FATEVI LA CROCIERA DI NOZZE E PROLIFERATE…..

  24. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 16:43

    nonimoJan 18, 2012 07:28 AM
    _________MA QUALI TEMPI D'ORO SCUSA?__________
    Tu non sai nemmeno quale periodo stiamo vivendo.
    Non hai ancora percepito che tutta l'Europa è andata in bancarotta ed è questo che relmente sta all'attacco della sicurezza civile!!!!!!
    La qualità dei traporti in genrale è diventata oscena.
    AEREO-CIVILE:Carenza di organico ENAC per fare le ispezioni (a sorpresa) nelle aziende che si occupano di manutenzione aerea.
    AEREO-MILITARE:Meglio non dire nulla.
    TRASPORTO-MARITTIMO-CIVILE:Scarso organico nella manutenzione e altre responsabilità.
    MA TU CREDI VERAMENTE CHE UNA CROCIERA CHE VIENE 450.00 EURO, FORSE ANCHE MENO, LA QUALITA' SIA LA STESSA DI QUELLA CHE REALMETE DOVREBBE ESSERE? QUANDO LA COMPAGNIA ABBASSA I PREZZI DEVE RECUPERARLI DA UN'ALTRA PARTE. Quando prendi un aereo il cui biglietto ti viene 40 EURO non ti fai mai nessuna domanda??? Bene io sono del settore aereo e molte cose che da procedura si dovrebbero sostituire nei motori noi non le possiamo sostituire durante i CHECK. Perché? Per il motivo che i direttori megagalttici amministrativi attaccati a COLLANINO & Co non danno i soldi per comprare i pezzi; quindi in magazzino questi pezzi non sono sempre disponibili. Per quanto riguarda il personale non voglio parlare della manutenzione genrale in ogni velivolo…..Le aziende dicono “vuoi il biglietto a prezzo basso? Allora io risparmio” quindi tieniti il tuo bigliettino scontato e non protestare…..SAI QUANTE VOLTE L'ENAC CI HA BLOCCATO GLI AEREI O CI HA CHIUSO IL MAGAZZINO???? Sembrate tutti degli zombi!!!

  25. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 16:42

    PIER LUIGI FOSCHI SU YOUTUBE L'ALTRO ANNO
    SCRIVERE:
    “Costa Crociere disperata per la crisi in Libia e Nord Africa: navi richiamate e itinerari cambiati”

  26. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 16:28

    _________MA QUALI TEMPI D'ORO SCUSA?__________
    Tu non sai nemmeno quale periodo stiamo vivendo.
    Non hai ancora percepito che tutta l'Europa è andata in bancarotta ed è questo che relmente sta all'attacco della sicurezza civile!!!!!!
    La qualità dei traporti in genrale è diventata oscena.
    AEREO-CIVILE:Carenza di organico ENAC per fare le ispezioni (a sorpresa) nelle aziende che si occupano di manutenzione aerea.
    AEREO-MILITARE:Meglio non dire nulla.
    TRASPORTO-MARITTIMO-CIVILE:Scarso organico nella manutenzione e altre responsabilità.
    MA TU CREDI VERAMENTE CHE UNA CROCIERA CHE VIENE 450.00 EURO, FORSE ANCHE MENO, LA QUALITA' SIA LA STESSA DI QUELLA CHE REALMETE DOVREBBE ESSERE? QUANDO LA COMPAGNIA ABBASSA I PREZZI DEVE RECUPERARLI DA UN'ALTRA PARTE. Quando prendi un aereo il cui biglietto ti viene 40 EURO non ti fai mai nessuna domanda??? Bene io sono del settore aereo e molte cose che da procedura si dovrebbero sostituire nei motori noi non le possiamo sostituire durante i CHECK. Perché? Per il motivo che i direttori megagalttici amministrativi attaccati a COLLANINO & Co non danno i soldi per comprare i pezzi; quindi in magazzino questi pezzi non sono sempre disponibili. Per quanto riguarda il personale non voglio parlare della manutenzione genrale in ogni velivolo…..Le aziende dicono “vuoi il biglietto a prezzo basso? Allora io risparmio” quindi tieniti il tuo bigliettino scontato e non protestare…..SAI QUANTE VOLTE L'ENAC CI HA BLOCCATO GLI AEREI O CI HA CHIUSO IL MAGAZZINO???? Sembrate tutti degli zombi!!!

  27. Anonymous
    18 Gennaio 2012 at 16:15

    Faccio presente che anche il tanto celebrato “eroe De Falco é napoletano ma pochi lo sottolineano… anche se non capisco perché ordinare a un uomo di fare il proprio dovere renda “eroici”….forse perché parlava come si sente in certi film d'azione? Che popolo patetico. In ogni modo quello che dovrebbe sconvolgere é che la prassi di avvicinarsi alla terraferma si chiama “inchino alla costa” ed é una prassi di saluto che le navi da crocera fanno per tradizione a ogni loro passaggio per far divertire ituristi, ma la stampa escrementizia italiota ha fatto passare la versione che il capitano NAPOLETANO voleva salutare degli amici dal ponte….roba che nemmeno nei Simpson si vede. Schettino avrà voluto far vedere quanto é bravo avvicinandosi più degli altri ma non è stato nè il primo nè sarà l'ultimo a seguire questa prassi. Dov'era la capitaneia di porto e l'eroe De Falco quando succedeva migliaia di volte prima di questa? Caro vichingo (vallo a dire agli svedesi che sei vichingo caro padanetto insignificante) sei l'emblema del polentone:leccaculo con quelli più ricchi di te (dedeschi) e arrogante e spietato con i più poveri (meridionali e extracomunitari). Ad affogare voi ci pensano il Po e le piogge.

  28. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 21:24

    e' inaccettacibile quello che ha fatto il Comandante oltretutto irrispettoso verso gli ordini supremi del Comandante della Capitaneria di Porto , avendo lasciato 1000 passeggeri a bordo con la nave affondata di fianco con i passeggeri che scndevano lungo la chiglia, I morti recuperati indossavano il salvagente ed aspettavano sicuramente direttive e informazioni. Personalmente ho piu' di 350 gg di navigazione con Costa ai tempi d'oro oggi queste navi sono oscene e pericolosissime con ufficiali che meritano la frusta

  29. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 21:18

    Bravo e' vero Schettino e' un vero figlio di puttana che dovrebbe vedersela con il carcere e con tutto quello che comporta

  30. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 16:16

    I VICHINGHI ERANO FAVOREVOLI ALLA PENA DI MORTE POI PERO' SONO MORTI LORO. Poveretti…..

  31. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 16:12

    ___Oggi i vichinghi vogliono il federalismo saccheggiando lo stato italiano allendosi dalla parte di chi ha soldi non importa chi e come nascosti e protetti offendendo volgarmente chi unque e rimangiandosi tutto ciò che dicono quando si trovano davanti al fatto compiuto. La legge BOSSI FINI non ha espatriato nessuno anzi a permesso di dare agli extracomunitari togliendo i soldi dalle tasche degli italiani, dando via libera a vere associazioni a delinquere come MEDIASET, IL GIORNALE, MONDADORI, FIAT, CAI ecc. ecc.____VICHINGO FALLITO____

  32. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 16:01

    CALMA VICHINGO….
    I vichinghi sono conosciuti come saccheggiatori, volgari, sporchi e trogloditi privi di una lingua ufficiale la maggior parte navigavano lungo le coste del Nord Europa. Secondo la già citata Cronaca anglosassone, dopo l'attacco del 793 i Vichinghi continuarono a compiere saccheggi su piccola scala in tutta l'Inghilterra per i decenni successivi, soprattutto nelle coste settentrionali ed occidentali. Ciò fu reso possibile dalle famose imbarcazioni utilizzate dai Vichinghi; si crede anche che essi prestassero molta attenzione alla pianificazione degli attacchi, in modo da poter ottenere il massimo risultato anche con piccoli gruppi di guerrieri.
    …CHE STORIA!!!!!!!

  33. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 15:50

    _____Il pauroso vichingo_______

    BRUTTI TERRONI CHE DIFENDETE IL COMANDANTE NAPOLETANO…VERGOGNATEVI DI ESISTERE NELLA VOSTRA NATURA MALEVOLA E INUTILE….FRANCESCO SCHETTINO E' UN FIGLIO DI PUTTANA CHE DOVREBBE ESSERE IN FONDO ALLA PANCIA DEL CONCORDIA AL POSTO DEI TURISTI TEDESCHI INNOCENTI….MALEDETTI TERRONI AFFOGATE TUTTI

  34. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 15:44

    Per FEDERICO (Videonavi).
    Caro Federico sono dell'opinione che se è avvenuto un errore da parte di qualunque persona prima o poi pagherà. Ho fede soprattutto della magistratura di Grosseto. Il tribunale di Grosseto non è un tribunale che fa sconti anzi…. ci sono giudici molto seri.
    Se il comandante Schettino & Co hanno torto pagheranno.
    Ormai non siamo più ai tempi di USTICA dove proprio a Grosseto uccisero diversi ufficiali per occultare tutto.

  35. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 14:50

    ____COSTA SERENA 15 MAGGIO 2009______

  36. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 14:49

    L'italiano è il primo che dimentica tutto.

    Paura per i quasi mille passeggeri a bordo della Costa Serena che il 15 maggio scorso hanno vissuto momenti di panico a bordo dell’ammiraglia della Costa Crociera. La notizia è saltata fuori quasi una settimana dopo dal fatto, una volta che i passeggeri hanno toccato terra. Tanto spavento e qualche ferito lieve. «Alle 5.20» racconta un testimone che ha partecipato alla crociera, «la nave ha fatto una specie di testa coda. Si è sentito prima un rumore strano, la nave ha virato violentemente e si è anche leggermente inclinata su un lato. Tutti gli oggetti sono caduti dai mobili, sdraio e lettini che si trovavano sui ponti sono finiti ovunque, la gente nelle cabine è stata sbalzata dai letti». «Stavamo tornando dalla Turchia ed eravamo diretti in Croazia», racconta ancora il passeggero. «Ci siamo catapultati tutti fuori, in pigiama, la gente era spaventata, c’è anche chi si è ritto un dito o un piede. Feriti non gravi che sono stati subito soccorsi e tranquillizzati». Dopo qualche minuto c’è stato anche l’annuncio del capitano che ha rassicurato i passeggeri, il personale ha assistito gli ospiti e poco dopo è stato diramato anche un comunicato ufficiale per spiegare l’accaduto. «La nave ha avuto un problema all’alimentazione della strumentazione del Ponte di Comando», si legge nel comunicato. «In particolare un interruttore è scattato facendo perdere improvvisamente l’alimentazione ad alcuni strumenti di navigazione. L’attività dei sistemi di emergenza è prontamente intervenuta per ripristinare la normale funzionalità. Purtroppo l’alta velocità della nave in quel momento ha causato uno sbandamento repentino di alcuni gradi. Il problema è stato prontamente individuato e risolto dopo l’accaduto e la situazione è ora pienamente sotto controllo. Ci scusiamo per il disagio e vi auguriamo una buona continuazione di crociera». «I camerieri che lavorano da anni sulla nave», racconta ancora il testimone, «ci hanno detto che non era mai accaduto niente di simile e molte persone a bordo, che avevano già fatto decine di crociere, hanno detto la stessa cosa». Dopo lo sbandamento e una volta che la nave si è rimessa dritta, è rimasta ferma per un po’, poi è ripartita alla volta della Croazia senza ulteriori danni.

  37. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 14:45

    ____________CARO VICHINGO______________________
    Lo sai quale è il male di questo paese chiamato ITALIA?
    L'ITALIA SFORTUNATAMENTE E' UN PAESE SENZA FUTURO, PERCHE' UN PAESE CHE IGNORA IL PROPRIO IERI, DI CUI NON SA ASSOLUTAMENTE NULLA E NON SI CURA DI SAPERE NULLA NON PUO' AVERE UN DOMANI. L'ITALIA E' UN PAESE DI CONTEMPORANEI SENZA ANTENATI NE POSTERI PERCHE' SENZA MEMORIA. L'ITALIA ha una storia bellissima ma l'italiano non la studia, non la sa e ne se ne cura di saperla è un paese ignaro di se stesso. Ecco dopo perché un presidente come PIER LUIGI FOSCHI rispondendo alla domanda di come sarà il futuro di Costa S.p.A. dopo gli incidenti-i-i-i dice che <>. LEGGETEVI COSA ACCADDE SULLA COSTA SERENA…aahh ve lo dico io.

  38. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 14:23

    IL COMANDANTE NAPOLETANO o CAMPANO?
    Se per questo non lo sapevo. Voglio ricordare che gran parte dei comandanti, ripeto gran parte, sono con precisione di origine campana. Anche per il motivo che la formazione e l'esperienza avviene in quella regione. Napoli nell'epoca di Federico II era la più grande città marinara di tutto il mare allora conosciuto. Il porto di Napoli aveva ben 21 attracchi ed è per questo che in quei tempi NAPOLI divenne la città più ricca d'Italia, dopo con la scoperta delle 2 Americhe (N e S) intorno al 1450 con precisione 3 agosto 1492 NAPOLI (per gli ignoranti) andò in crisi. Lo scalo delle spezie non avvenne più solo a NAPOLI……
    A NAPOLI venne costituita la più antica accademia della navigazione. Io non sono ne il vichingo Padano e ne il terrun o cafone. Insomma non ho ne le corna in testa e ne la zappa. Ma tra le corna e la zappa preferisco la zappa almeno lavoro, detesto l'opportunismo e soprattutto l'ignoranza di alcuni italianotti emigrati 60 anni fa in Italia del nord e divenuti peggio di quelli che già erano presenti…..
    STUDIA VICHINGO….non insultare e poi potrai scrivere!

  39. 17 Gennaio 2012 at 09:00

    Signori, insultare uno o l'altro non serve ne ad accellerare le indagini, ne a ridurre il numero delle vittime.. Mi rivolgo in particolare a “AnonimoJan 16, 2012 02:34 PM”. Vi invito a mantenere calma e rispetto, che sono alle basi di discorsi costruttivi, come vogliono essere quelli che facciamo qui su Videonavi.
    Grazie mille,
    Federico (Videonavi)

  40. Anonymous
    17 Gennaio 2012 at 02:54

    Come si puo insultare in questo modo e una mancanza di rispetto anche contro chi lo legge. Se questo elemento a il coraggio potrebbe dire anche il suo nome e cognome e magari il su nº di identita e poi vedremo se capace di dover esprimersi in questo modo.
    Scusa Anonimo AnonimoJan 16, 2012 02:34 PM
    ma sei un vero vigliacco:
    Giulio

  41. Anonymous
    16 Gennaio 2012 at 23:34

    BRUTTI TERRONI CHE DIFENDETE IL COMANDANTE NAPOLETANO…VERGOGNATEVI DI ESISTERE NELLA VOSTRA NATURA MALEVOLA E INUTILE….FRANCESCO SCHETTINO E' UN FIGLIO DI PUTTANA CHE DOVREBBE ESSERE IN FONDO ALLA PANCIA DEL CONCORDIA AL POSTO DEI TURISTI TEDESCHI INNOCENTI….MALEDETTI TERRONI AFFOGATE TUTTI

  42. Anonymous
    16 Gennaio 2012 at 22:32

    Continuando—NON CREDO CHE LA FARANNO A PEZZI.
    La Concordia è una nave nuovissima la quale e costituita da apparecchiature sofisticatissime, con scatole nere, se la Guradia Costiera indaga bene può sapere ogni piccolo dettaglio. Gli apparati sono di ultima generazione. Si deve ispezionare immediatamente ogni parte togliere combustibili, riparare la struttura ossia le parti danneggiate esterne chiudendo tutte le falle, infine togliere l'acuqa con delle pompe idrauliche e sollevarla tramite delle gru che sono presenti in apposite piattaforme per il recupero. La stessa cosa avviene anche quando una portaerei subisce danni del genere.
    INSOMMA SI DEVONO SBRIGARE

  43. Anonymous
    16 Gennaio 2012 at 22:12

    La nave come avrete notato dai monitors che sono dentro la concordia è seghuita secondo dopo secondo dai satelliti. Infatti anche nelle stanze si può osservare la rotta vista dall'alto il Plot in navale terminologia di un grafico è un display grafico che mostra i dati raccolti da una nave a bordo ovvero sensori radar, sonar e EW. Mostrano le informazioni provenienti da fonti esterne ovvero altra nave o relazioni aerei. Ci sono quattro diversi tipi di trama, ognuno con diverse capacità cioè gamma, a seconda del loro ruolo (il cerchietto) fa notare ogni singolo spostamento. Quindi le coordinate sono anche in altre scatole chiamate (SCATOLE NERE) anche se sono rosse non esiste una sola, stessa cosa negli aerei.
    Un'altra cosa che non torna da parte dei media è quella del capitano il quale ha detto ai carabinieri che voleva recuperare la scatola nera.
    “SE SONO IL CAPITANO E VOGLIO FARE UNA COSA DEL GENERE NON LO VADO A DIRE AI CARABINIERI.”

  44. Anonymous
    16 Gennaio 2012 at 09:20

    L'abitudine, tipicamente giornalistica ed italiana, di condannare seduta stante CHIUNQUE sia sospettato di un crimine continua imperterrita. Indiscutibilmente il capitano è l'unico responsabile di qualunque cosa sia accaduta. E non lo dico io questo. Ma insultarlo dalle pagine di un giornale è altrettanto squallido.
    Un gigantesco errore c'è stato: con la velocità massima di 19 nodi, non è possibile sostenere un avvicinamento “turistico” a 15 nodi… Magari era anche nelle intenzioni ma qualcosa è andato storto: correnti a favore, malfunzionamento (o come sospetto, disattivazione) dei sistemi di allarme, l'evidente mancanza di una banale “guardia a vista” che avrebbe dovuto vedere i fanali semplicemente con gli occhi, l'acceleratore “incantato”, la tragica sicurezza dell'abitudine (a fare cazzate…), e via dicendo. Pensate che per mirare un'isola a 15 nodi, con una nave da 300 metri, o si è molto, ma molto bravi e attenti, oppure dei “sboroni” incredibili: sicuramente gli scogli erano segnati (li ho trovati anche sul navigatore del mio iPhone) ma ci sono anche profondità assolutamente sicure sottocosta, considerando la ripidezza delle coste dell'isola. Se però arrivi troppo veloce, anche con un'auto evitare all'ultimo un ostacolo può diventare impossibile. Al solito, penso alla solita disastrosa catena di eventi, ciascuno dei quali, di per se stesso, non è determinante ma, sommato a quelli prima e a quelli dopo, diventa invece indispensabile per permettere l'incidente. Per rimanere in tema, il Titanic insegna… In ogni caso, se è vero che su una nave il Comandante viene subito dopo Dio, ovviamente per lo stesso principio è totalmente responsabile di qualunque cosa avvenga sulla stessa nave!

  45. Anonymous
    15 Gennaio 2012 at 20:40

    Il titolo in prima pagina del Il Giornale (CAPITANO CRIMINALE) mette a repentaglio tutta l'impresa COSTA lavoratori compresi. Spero che Pier Luigi Foschi se ne renda conto. La Costa cosa è un covo di criminali? Mentre MEDIASET invece?

  46. Anonymous
    15 Gennaio 2012 at 20:31

    Speriamo che la frequenza di questi incidenti diminuisca.
    A quanto pare non è la prima. Con l'avvento della crisi dovuta ad una vera e propria guerra nel mediterraneo ormai anche, Pier Luigi Foschi lo ha confermato su YOUTUBE, il Mediterraneo è in fermento e Costa sta perdendo parecchio.
    Paesi a rischio nel Mediterraneo: GRECIA (ad Atene e nelle isole ogni giorno c'è una rivoluzione prego andare sul sito del canale televisivo greco di ANT1 vedrete le immagini ), EGITTO, LIBIA, TUNISIA, ALGERIA, MAROCCO (non credete alla pubblicità sul Marocco è stata fatta attraverso un fondo che la Francia ha dato alle nostre emittenti televisive. In Marocco si è creato un movimento, Movimento 20 FEBBRAIO, perché i marocchini hanno visto cosa accadeva in Tunisia e in Egitto e hanno reagito dietro si nascono le cellule di al Qaeda).

  47. Anonymous
    15 Gennaio 2012 at 20:26

    Comunque il Capitano può già querelare il quotidiano IL GIORNALE il quale è stato l'unico quotidiano che ha scritto in prima pagina un freddo titolo del 15 gennaio CAPITANO CRIMINALE. Il comandante deve essere processato; poi dopo solo il giudice potrà giudicarlo e non “IL GIORNALE”. Questo quotidiano sa solo giudicare tutti tranne uno BERLUSCONI. Vi garantisco che anche il Capitano era sotto shock. Gli errori li possiamo commettere tutti…..ma per gli ignoranti è facile giudicare.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Author

Federico Manera

Federico Manera

Sono nato nel 1988 nella provincia di Torino. Appassionato di navi fin dai primi anni di vita, dal 2009 ho deciso di condividere con il popolo del web il mio interesse, costruendo giorno dopo giorno un sito che possa essere utile a chi decide di navigare, per vacanza, per lavoro o per passione. Mi sono occupato per molti anni della creazione di contenuti multimediali (video, web e grafica). Oggi lavoro nel turismo.