Alla fine di questa giornata a seguire la vicenda Costa Concordia, vi posto un mix di immagini che ho selezionato… Sono immagini terribili, spero di non postarne mai più perchè cose come questa non devono più succedere. Le vittime sono rimaste, per fortuna, solo tre. Ci sono 40 feriti di cui alcuni anche gravi e 50 persone non sono ancora state rintracciate. Sono state aperte più inchieste per naufragio, disastro e omicidio colposo. I tecnici dell’Arcipelago Toscano stanno anche predisponendo delle paratie anti-inquinamento per evitare che il carburante a bordo della nave si riversi in mare, dato che l’incidente è avvenuto all’interno della riserva naturale

Costa fa sapere che il loro sito ufficiale è offline per via dell’enorme numero di contatti che ha generato un traffico altissimo. Hanno comunque istituito una helpline. La Compagnia, inoltre, fa sapere che è a disposizione e collaborerà con le Autorità.

Al fondo dell’articolo trovate il link sulla prima intervista al Comandante di quella che era una delle ammiraglie Costa.

Qui il video dell’intervista al Comandante della Costa Concordia.

2 Comments

  1. Anonymous
    22 Gennaio 2012 at 05:07

    15 maggio 2009
    Paura per i quasi mille passeggeri a bordo della Costa Serena che il 15 maggio scorso hanno vissuto momenti di panico a bordo dell’ammiraglia della Costa Crociera. La notizia è saltata fuori quasi una settimana dopo dal fatto, una volta che i passeggeri hanno toccato terra. Tanto spavento e qualche ferito lieve. «Alle 5.20» racconta un testimone che ha partecipato alla crociera, «la nave ha fatto una specie di testa coda. Si è sentito prima un rumore strano, la nave ha virato violentemente e si è anche leggermente inclinata su un lato. Tutti gli oggetti sono caduti dai mobili, sdraio e lettini che si trovavano sui ponti sono finiti ovunque, la gente nelle cabine è stata sbalzata dai letti». «Stavamo tornando dalla Turchia ed eravamo diretti in Croazia», racconta ancora il passeggero. «Ci siamo catapultati tutti fuori, in pigiama, la gente era spaventata, c’è anche chi si è ritto un dito o un piede. Feriti non gravi che sono stati subito soccorsi e tranquillizzati». Dopo qualche minuto c’è stato anche l’annuncio del capitano che ha rassicurato i passeggeri, il personale ha assistito gli ospiti e poco dopo è stato diramato anche un comunicato ufficiale per spiegare l’accaduto. «La nave ha avuto un problema all’alimentazione della strumentazione del Ponte di Comando», si legge nel comunicato. «In particolare un interruttore è scattato facendo perdere improvvisamente l’alimentazione ad alcuni strumenti di navigazione. L’attività dei sistemi di emergenza è prontamente intervenuta per ripristinare la normale funzionalità. Purtroppo l’alta velocità della nave in quel momento ha causato uno sbandamento repentino di alcuni gradi. Il problema è stato prontamente individuato e risolto dopo l’accaduto e la situazione è ora pienamente sotto controllo. Ci scusiamo per il disagio e vi auguriamo una buona continuazione di crociera». «I camerieri che lavorano da anni sulla nave», racconta ancora il testimone, «ci hanno detto che non era mai accaduto niente di simile e molte persone a bordo, che avevano già fatto decine di crociere, hanno detto la stessa cosa». Dopo lo sbandamento e una volta che la nave si è rimessa dritta, è rimasta ferma per un po’, poi è ripartita alla volta della Croazia senza ulteriori danni.

  2. Anonymous
    15 Gennaio 2012 at 09:41

    Impressionante!

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Author

Federico Manera

Federico Manera

Sono nato nel 1988 nella provincia di Torino. Appassionato di navi fin dai primi anni di vita, dal 2009 ho deciso di condividere con il popolo del web il mio interesse, costruendo giorno dopo giorno un sito che possa essere utile a chi decide di navigare, per vacanza, per lavoro o per passione. Mi sono occupato per molti anni della creazione di contenuti multimediali (video, web e grafica). Oggi lavoro nel turismo.