CROCIERECURIOSITA'NOTIZIETRAGHETTI

Mose: prime prove del progetto “made in Italy”

Primi test di innalzamento delle paratoie mobili del Mose, il sistema di dighe mobili per la salvaguardia di Venezia e della laguna dalle acque alte. Sono state compiute ieri le prove di movimentazione in superficie delle quattro paratoie poste sul fondale della bocca di Porto di Lido-Tre Porti. La prima vera e propria movimentazione completa avverrà comunque sabato prossimo alla presenza, tra gli altri, del ministro per le Infrastrutture Maurizio Lupi, del governatore del Veneto Luca Zaia, del sindaco di Venezia Giorgio Orsoni, della presidente della provincia Francesca Zaccariotto e del magistrato alle acque di Venezia Roberto Daniele. Oltre che i nuovi vertici del Consorzio Venezia Nuova, il presidente Mauro Fabris e il direttore generale Hermes Redi. Ad essere utilizzate saranno le quattro paratoie già collocate nei loro alloggiamenti alla bocca di porto Lido-Tre Porti. Le paratie, attualmente sommerse ed incernierate sui basamenti di cemento – in una simulazione di presenza di acqua alta – verranno svuotate dall’acqua che le tiene posizionate sul fondo dell’ingresso della bocca di porto. Una procedura che le farà progressivamente emergere, fino a sbarrare l’acqua in arrivo dal mare verso Venezia. Una volta finita la simulazione, le paratie verranno riempite nuovamente d’acqua, tornando ad appoggiarsi sul fondo della bocca di porto. Con la movimentazione delle quattro paratoie, la grande infrastruttura entra di fatto nella sua fase finale. Il completamento dell’opera, interamente `made in Italy´, è comunque previsto per il 2016 e l’entrata in funzione nel 2017.

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Author

Federico Manera

Federico Manera

Sono nato nel 1988 nella provincia di Torino. Appassionato di navi fin dai primi anni di vita, dal 2009 ho deciso di condividere con il popolo del web il mio interesse, costruendo giorno dopo giorno un sito che possa essere utile a chi decide di navigare, per vacanza, per lavoro o per passione. Mi sono occupato per molti anni della creazione di contenuti multimediali (video, web e grafica). Oggi lavoro nel turismo.