In un mondo (per fortuna) sempre più sensibile ai cambiamenti climatici e all’ambiente, il Giappone ha varato per la prima volta nella storia mondiale una nave per il trasporto di idrogeno. La Suiso Frontier è lunga 116 metri, ed è dotata di un serbatoio a doppio guscio isolato sotto vuoto prodotto da Harima Works, capace di contenere 1.250 metri cubi di idrogeno liquido stoccato alla temperatura di -253 °C.

La nave è il frutto dell’unione delle società Kawasaki, Iwatani Corporation, Shell Japan e Electric Power Development Co.

L’obiettivo è creare un’imbarcazione che trasporti idrogeno liquefatto a 1/800 del suo volume originale di gas in giro per il mondo e alle basi di approvvigionamento, un pò come accade oggi con il gas naturale (che però, per quanto combustibile “pulito”, emette Co2).

L’idrogeno – spiega la Kawasaki Heavy Industries in una nota stampa – sta guadagnando popolarità come energia chiave di prossima generazione per combattere il riscaldamento globale. Non emette CO2 o altri gas serra durante l’uso e le applicazioni previste includono la produzione elettrica, l’alimentazione di veicoli a celle a combustibile e altro ancora. Con l’obiettivo di rendere l’idrogeno una fonte di combustibile comune quanto il petrolio e il gas naturale, Kawasaki si è unito nel 2016 con Iwatani Corporation (Iwatani), Shell Japan Limited e Electric Power Development Co., Ltd. (J-POWER) per formare la CO2-free Hydrogen Energy Supply-chain Technology Research Association (HySTRA)”.

L’idrogeno offre opportunità uniche per tagliare drasticamente le emissioni in sistemi energetici difficili da decarbonizzare altrimenti, lavorando in sinergia con le risorse rinnovabili.

A quando le prime navi alimentate ad idrogeno (e quindi ad impatto zero)?

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Author

Admin Videonavi

Admin Videonavi

Sono nato nel 1988 nella provincia di Torino. Appassionato di navi fin dai primi anni di vita, dal 2009 ho deciso di condividere con il popolo del web il mio interesse, costruendo giorno dopo giorno un sito che possa essere utile a chi decide di navigare, per vacanza, per lavoro o per passione. Mi sono occupato per molti anni della creazione di contenuti multimediali (video, web e grafica). Oggi lavoro nel turismo.