Pubblico oggi un articolo che mi ha segnalato l’amico Luigi che vede come protagonisti una famiglia che deve per un’emergenza tornare in Toscana prima del previsto da Golfo Aranci (Sardinia Ferries).
Ecco l’articolo:
I biglietti di viaggio sui traghetti da e per l’isola costano una fortuna, ma è ancora niente rispetto a quanto i passegeri devono pagare a titolo di penale per la modifica della data di partenza. Un salasso per chiudere nel peggiore dei modi il capitolo vacanze nell’isola. Proprio ieri l’ultimo di una lunga serie di casi: protagonista una famiglia di turisti toscani (tre persone, due adulti e una bambina) con biglietto Sardinia Ferries sulla tratta Golfo Aranci-Livorno, partenza prevista il 5 settembre. A causa di una emergenza familiare, la famiglia è stata costretta ad anticipare il ritorno in Toscana, ma il conto nella biglietteria Sardinia Ferries di Golfo Aranci è da brivido: la tariffa lievita dalle iniziali 163 euro (il biglietto per l’intera famiglia) a ben 967 euro. In pratica, è stata calcolata una penale di oltre 800 euro. Una vera e propria stangata.
Furente Domenico Leggiero, residente a Sesto Fiorentino, che ha deciso di denunciare la compagnia di navigazione. «È una vergogna – protesta – veniamo in Sardegna da dodici anni, ma in questo modo ci stanno costringendo a non metterci più piede. Non solo la penale è stata calcolata in modo esorbitante, mentre dovrebbe essere tra il 10 o massimo il 20». «In più – aggiunge il turista – di fronte alle mie legittime rimostranze la compagnia ha risposto che le tariffe sono queste e che se vogliamo partire non c’è altra scelta visto che gli altri traghetti sono pieni almeno sino a venerdì. È un comportamento inaccettabile e per questo, non appena sarò a casa, presenterò un esposto in procura contro Sardinia Ferries».
C’è da credergli. Domenico Leggiero, infatti, è già noto per le sue battaglie civili e giudiziarie. Ex maresciallo dell’Esercito, ispettore pilota, ha lasciato la divisa per raccogliere la croce dei suoi colleghi morti per causa di servizio. Infatti, è il rappresentante dell’Osservatorio nazionale per la tutela del personale delle forze armate. Di lui, del suo lavoro e delle sue battaglie si è lungamente parlato anche in Sardegna, a proposito del poligono di Quirra. Insomma, Leggiero non è proprio il tipo che sorvola sulle ingiustizie. «Si deve reagire a queste cose – aggiunge ancora – l’isola non può restare sotto il ricatto delle compagnie di navigazione. Penso a un blog via internet, a un movimento d’opinione che manifesti tutto il dissenso possibile sollecitando un intervento della Regione, con la flotta Saremar. anche sul collegamento con Livorno, oggi inesistente».

Per dovere di cronaca, Domenico Leggiero e la sua famiglia ieri sono comunque riusciti a imbarcarsi per Livorno. Sulla Moby però, all’Isola Bianca. Prezzo complessivo del biglietto: 470 euro, la metà di quanto calcolato da Sardinia Ferries a Golfo Aranci.

Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Anonymous
Anonymous
8 anni fa

Allora è scandaloso per tutte le compagnie…

Marco

videonavi
8 anni fa
Reply to  Anonymous

Si, assolutamente. Infatti il caso è capitato su Sardinia Ferries ma vale allo stesso modo per le altre Compagnie. In base anche alla disponibilità rimasta.

Anonymous
Anonymous
8 anni fa

Niente di strano, tutte le compagnie ora operano nello stesso modo