CROCIERENOTIZIE

Concordia: quella sera tremava, tremava troppo

Non è la prima volta che sento questa storia. Già un anno fa sentii di questi tremolii sospetti.. ed ora, a un anno di distanza, Silvio Luciani, professione curatore d’immagine, originario di Lanciano, provincia di Chieti, continua a ripetere che quella notte, durante la navigazione, la Costa Concordia vibrava moltissimo, molto di più rispetto alle altre navi da crociera sulle quali era salito.
“È il mio ricordo di quella sera, un ricordo vivo e nitido come se fosse avvenuto adesso – racconta Silvio – la nave vibrava troppo e l’ho detto subito anche a degli amici che mi hanno telefonato appena salpato dal porto di Civitavecchia”. Silvio Luciani, il 13 gennaio 2012 era salito a bordo della Costa Concordia, solamente poche ore prima del naufragio, nell’ultimo porto di scalo: Civitavecchia. Aveva avuto il tempo di fare una prima riunione con i colleghi di lavoro e di prendere un aperitivo: “Durante il primo meeting con i protagonisti del reality che dovevamo ambientare sulla nave, – continua- più volte siamo sobbalzati come se ci fosse il mare agitato. Ed invece affacciandoci ci siamo resi conto che era calmissimo. Ma le vibrazioni, il tremolio della nave, non ha mai accennato a calmarsi neanche all’ora di cena. Quando ci siamo seduti al ristorante alcuni di noi avevano il mal di stomaco e avevano difficoltà a buttare giù il boccone”. La presenza mai chiarita dei due ingegneri del Registro Navale Italiano all’interno della sede della società di gestione, pochi minuti dopo la tragedia, può essere collegata a questo problema? È trascorso un anno dalla tragedia e Silvio, il prossimo 25 gennaio, salirà nuovamente, per motivi di lavoro, su una nave della Costa Crociere: la Costa Pacifica. Il viaggio sarà identico come tempi e percorrenza a quella che avrebbe dovuto fare con la Concordia e persino il porto di partenza e l’ora sono le stesse.

Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti