costa concordia

”L’operazione e’ conclusa”, ha detto il capo della protezione civile Franco Gabrielli, arrivato in sala stampa accolto dall’applauso dei giornalisti ma soprattutto di molti abitanti del Giglio, rimasti in piedi ad attendere l’annuncio. Festa anche sulle tante imbarcazioni al lavoro intorno al relitto, con le sirene di bordo azionate a sottolineare il successo. ”Ora saranno necessari interventi importanti sulla fiancata rimasta appoggiata sulle rocce ma abbiamo messo un punto decisivo per l’allontanamento della nave”, ha detto ancora Gabrielli. ”Meglio di cosi’ non sarebbe potuta andare”, ha aggiunto l’ingegner Franco Porcellacchia, responsabile del progetto per Costa Crociere. ”Nelle prossime ore – ha spiegato Sergio Girotto di Titan-Micoperi – faremo delle analisi per verificare il punto di appoggio e operare eventuali aggiustamenti, ma direi che questa fase e’ completata e che si puo’ passare alle successive”. Esclusi, al momento, gravi sversamenti di liquidi inquinanti. ”Vedremo lo stato delle acque, probabilmente dovremo raccogliere qualcosa, ma non c’e’ una bomba ecologica”, ha assicurato Maria Sargentini, presidente dell’Osservatorio per la rimozione.

Adesso per il completamento dell’operazione di recupero (costata fino a questo momento 600 milioni di euro) serviranno ancora alcuni mesi. C’e’ infatti da esaminare e riparare la fiancata rimasta fino a questo momento sommersa (e che anche da terra ad occhio nudo appare gravemente danneggiata, soprattutto nella parte centrale) su cui poi saranno installlati i cassoni che, una volta riempiti di aria, favoriranno il rigalleggiamento. Solo a quel punto la nave potra’ essere trainata in un porto, ancora da individuare, per lo smantellamento. Da oggi potranno essere anche avviate le ricerche dei corpi di Russel Rebello e Maria Grazia Trecarichi, le due vittime che risultano ancora nell’elenco dei dispersi. Una ipotesi era proprio quella che i due fossero rimasti schiacciati sotto la chiglia, ma dalle immagini riprese dalle telecamere durante la rotazione non sono emerse tracce.

 

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Author

Admin Videonavi

Admin Videonavi

Sono nato nel 1988 nella provincia di Torino. Appassionato di navi fin dai primi anni di vita, dal 2009 ho deciso di condividere con il popolo del web il mio interesse, costruendo giorno dopo giorno un sito che possa essere utile a chi decide di navigare, per vacanza, per lavoro o per passione. Mi sono occupato per molti anni della creazione di contenuti multimediali (video, web e grafica). Oggi lavoro nel turismo.