CROCIEREINCIDENTI NAVALINOTIZIE

Panico sulla Costa Fascinosa in balia di una tromba d’aria

***AGGIORNAMENTO DEL 25 SETTEMBRE***

Costa Crociere spiega come sono andate le cose la notte del 22 settembre e scrive Siamo molto dispiaciuti per quanto accaduto e per il disagio subito. Vi confermiamo che la sera del 22 settembre la Costa Fascinosa ha incontrato venti che soffiavano oltre i 90 nodi che ne hanno influenzato la rotta e comportato l’inclinazione improvvisa dello scafo. Il comando della nave ha immediatamente attivato le procedure necessarie a ristabilire una normale e regolare navigazione, e, successivamente ha proceduto ad informare ed assistere i passeggeri. Costa Fascinosa ha ripreso l’itinerario previsto dal programma.”

————

La Costa Fascinosa, partita domenica 21 settembre dal porto di Venezia per il suo itinerario nelle isole greche, si è trovata nella notte di lunedì dentro ad una vera e propria tromba marina.
La nave è diventata ingestibile, l’equipaggio ha perso il controllo e il panico si è diffuso tra i passeggeri. Il mar Adriatico quella notte era già molto mosso fin dall’uscita da Venezia, ma all’altezza delle Marche è diventato davvero impegnativo. Se sulla terraferma il maltempo ha provocato l’affondamento di due pescherecci e una fortissima mareggiata che ha provocato danni a stabilimenti balneari e spiagge, al largo ha fatto passare una notte da incubo a equipaggio e passeggeri dell’ammiraglia di Costa Crociere.

Due ore d’inferno. L’inizio del terrore alle 22,45 quando la nave, uno dei gioielli della flotta genovese, strattonata dalle onde e con uno dei due motori in avaria, ha iniziato a girare su se stessa. “Sembrava di essere su una trottola” hanno raccontato alcuni viaggiatori veneti imbarcati.
Dentro le cabine e nei saloni della Costa Fascinosa sono volati bicchieri, piatti e suppellettili per aria e ovunque. Molti passeggeri sono caduti a terra spinti dalla forza centrifuga imposta dalla rotazione. C’era gente che piangeva e che pregava. Un vero inferno che ha continuato a terrorizzare i turisti per quasi due ore.

Poco dopo le 23,30, infatti, il comandante ha dato l’avviso di mettere i salvagenti e di aver “perso il controllo della nave”. Allarme successivamente rientrato, grazie alla fatica e alla prontezza dell’equipaggio che ha lavorato duro, raccontano i passeggeri.

(Nota: “ilgazzettino” e “corriereadriatico” riportano le informazioni sull”avaria al motore ma non ci risultano riscontri reali circa questo punto)

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti