L’Antitrust comunica di aver «aperto un’istruttoria nei confronti di Compagnia italiana di navigazione, Moby e Onorato Armatori per accertare eventuali condotte abusive nel settore del trasporto marittimo di merci da e per la Sardegna. Il procedimento riguarda l’ipotesi di un abuso di posizione dominante da parte di Compagnia italiana di navigazione e Moby che sarebbe stato attuato, in violazione dell’articolo 102 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, ostacolando con varie modalità l’operatività di una società concorrente in questo settore e minacciando il pieno sviluppo concorrenziale di tali servizi di trasporto marittimo».

Per accertare queste circostanze, nei giorni scorsi i funzionari dell’Authority «hanno eseguito una serie di ispezioni nelle sedi delle società interessate, parti del procedimento, nonché presso una società di spedizioni marittime, ritenute in possesso di elementi utili ai fini dell’accertamento, con l’ausilio del nucleo speciale antitrust e del nucleo speciale frodi tecnologiche della Guardia di finanza».

«La procedura è stata aperta in seguito alla segnalazione di due società attive nell’offerta di servizi di logistica e trasporti tra la penisola e la Sardegna (Trans Isole e Nuova Logistica Lucianu, ndr) e da parte di una primaria compagnia di navigazione, Grimaldi Euromed». Nel mirino dei segnalanti, scrive l’Authority, «numerosi e immotivati rifiuti, opposti sia da Cin che da Moby, ad imbarcare i mezzi delle due società di logistica» e «l’interruzione degli accordi commerciali intercorrenti tra Cin e Moby» e le due società.

Secondo i segnalanti, «i comportamenti discriminatori perpetrati da Cin e Moby ai loro danni sarebbero la diretta conseguenza della scelta delle due società di logistica di trasferire una parte consistente dei propri traffici di merci sulle navi di Grimaldi». E Grimaldi, in particolare, «ha evidenziato che detti comportamenti sarebbero chiaramente volti a “dissuadere” i due operatori dall’utilizzare i propri servizi al fine di escluderla dal mercato».

Tutti, poi, sottolineano «la violazione da parte di Cin della convenzione stipulata con lo Stato italiano relativa agli obblighi di servizio pubblico a garanzia della continuità territoriale nei trasporti tra la penisola e le isole maggiori (Sicilia e Sardegna) e minori».

Il gruppo Onorato Armatori, da parte sua, si dichiara «fiducioso circa l’esito positivo dell’istruttoria» dell’Antitrust e «pienamente consapevole di non aver mai attuato pratiche di abuso». Considera, quindi, «infondate le contestazioni mosse dalla concorrente Grimaldi Euromed» e dalle due società di autotrasporto.

«In una fase di forte dialettica nell’ambito della politica nazionale del trasporto marittimo – conclude la nota di Onorato – il gruppo attende con serenità la conclusione dell’istruttoria».

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The Author

Admin Videonavi

Admin Videonavi

Sono nato nel 1988 nella provincia di Torino. Appassionato di navi fin dai primi anni di vita, dal 2009 ho deciso di condividere con il popolo del web il mio interesse, costruendo giorno dopo giorno un sito che possa essere utile a chi decide di navigare, per vacanza, per lavoro o per passione. Mi sono occupato per molti anni della creazione di contenuti multimediali (video, web e grafica). Oggi lavoro nel turismo.